domenica 20 novembre 2011

Alfredo Panetta
Dieci poesie


Una memoria contadina ispida, sconfitta, agitata da immagini secche,  appena sgrossate ( fa pensare a quelle di Giotto), o dolenti o orgogliose («Riesco a distinguere lontano dieci metri/ una pulce sul manto di una capra») o vicinissime in  modi animistici  al mondo animale («Tra parentesi, amico maiale, io lo so/ è assurdo pensarci disuguali»). Solo a volte si abbandona alla melanconia dell’io elementare che ha perso il suo mondo. Questa la prima impressione della poesia di Alfredo Panetta, che scopro adesso. Il dialetto calabrese è il suo coerente reliquario.  (E.A.)

A   FOLIA   
                                  

A folìa chi ndavìa singatu
cu sputazza ‘i cinnari nto margiu
‘a  trovai accuppata cu xacchi
d’armacera e umbri d’alivari.

Mpisu nta nu gghjiommaru i cimentu
i  jidita a curteju senza punta
cercu nu filu i cielu pe cusiri
i jorna chi mi mancanu du cuntu.

‘U ventu si ndi mpercica ‘nte timpi
na vuci russìja nto cannitu
jestimu tutti i craculi du tempu
prima u diventu axxeri  ‘i calijari.