venerdì 3 febbraio 2012

Maria Dilucia
Omaggio a Wislawa Szymborska


Wislawa non c’è più, rimangono le sue parole che sono Poesia e Filosofia assieme. La sua grandezza sta nel riconoscere i difetti degli esseri umani e mostrarceli ma senza giudizio anzi a volte addolorata per il destino di questo piccolo uomo creato ed abbandonato a se stesso su questo mondo. Ha conosciuto  la disillusione ma non ha ceduto alla disperazione, differentemente da molti altri poeti, lei ha continuato, ha capito di aver sbagliato lo ha riconosciuto e ha continuato, continuato ad ESSERE nella sua Poesia. Ha trovato la strada dell’ironia e come altro possiamo salvarci noi esseri umani se non con l’ironia? Ha mutuato la sua sofferenza in lucidità, si è elevata ed è riuscita a vedere non il singolo uomo ma tutti gli uomini, i comportamenti degli uomini e dall’alto guardandoli muoversi, agitarsi, faticare a vivere, e con amore ci ha tolto la colpa, quasi come una madre che giustifica gli errori del figlio. [Maria Dilucia]

  
Utopia di Wislawa Szymborska
 
Isola dove tutto si chiarisce.
 
Qui ci si può fondare su prove.
 
L'unica strada è quella d'accesso.
 
Gli arbusti si piegano sotto le risposte.