sabato 4 febbraio 2012

Marcella Corsi
Una poesia

Marc Chagall


il prolungato non uso rende impossibile
lo scatto, peccato: immobile inaspettata
un’ innocenza incoerente allarga lo sguardo
al risveglio – 4 febbraio, anno duro di crisi

ma una sposa incauta ha steso la sua gonna
sulle chiese di Roma, adesso in silenzio
riposa il respiro nel respiro fermo degli alberi
finché piede di uomo non calpesti –

e la rabbia che corrode il mattino non regge
a tanto immacolato splendore

(come si conserva il volo dei passeri
sotto una notte di venti
centimetri di neve 



(4 feb. 2012)

Ennio Abate
La polis che non c’è.
Su "Pergamena dei ribelli"
di Roberto Bertoldo



L’incontro del 31 gennaio 2012 del Laboratorio Moltinpoesia era intitolato La polis che non c’è. Tre modi di interrogarsi in poesia sul venir meno della polis e della società civile. Si partiva da tre recenti raccolte (la mia, Immigratorio; quella di  Roberto Bertoldo, Pergamena dei ribelli e quella di Gianmario Lucini, Il disgusto), chiedendo a ciascuno degli autori di pronunciarsi su quelle degli altri due. Pubblico per ora sul blog  i miei appunti di lettura sulla raccolta di Bertoldo. Successivamente pubblicherò quelli sulla raccolta di Lucini. Ed invito entrambi a rendere noti, quando possono e se vogliono, i loro. [E. A.] 

1. Vorrei che non parlassimo in generale sul tema della polis che manca, ma partendo dalle nostre raccolte recenti. In quelle cercherei i segni di questa mancanza, di questo vuoto (della polis, della società civile).

2. La ragione dell’accostamento, improvvisato ma non capriccioso o casuale, delle nostre tre raccolte si giustifica per un elemento che le accomuna: tutte e tre tendono a un bilancio, a un rendiconto: di un vita di un certo Vulisse[i]  e di un pezzo di storia dell’Italia (dal dopoguerra agli anni Settanta) la mia; di un’epoca più generale e senza date (Bertoldo); di un vicinissimo biennio 2009-10 (Lucini).