lunedì 6 febbraio 2012

Rita Simonitto
Sugli ultimi commenti
apparsi in Moltinpoesia

Sui commenti al post “Omaggio a Wislawa Szymborska” (qui) tornano queste osservazioni puntigliose e appassionate di Rita Simonitto. Vuol dire che a quei temi che avevo elencato in uno dei miei interventi intitolato “Riepilogando” non si può apporre nessun conclusivo Amen!, come auspicava Emy. Continuiamo dunque, se possibile, la discussione. Forse è questa la via stretta su cui proseguire per arrivare, senza alcuna garanzia, a "un grado più alto di verità" [E.A.]

La velocità in questi giorni degli inserimenti e il numero impressionante dei commenti che – come in ogni blog che si rispetti - sono in parte significativi e in parte “rumore”, renderanno forse questo mio intervento obsoleto, superato dall’incalzare dei passi di chi viene in successione. Così come accade nella vita di oggi, né più né meno. Tuttavia mi sono decisa a portare la mia quota di “rumore” e, spero, di significatività.

Partirei dalla considerazione di Mayoor sul sacro e la poesia, in una sua risposta a g.b. Egli sostiene:

“Ma il sacro è altra cosa, giusto distinguerlo dalle religioni. Il sacro è ciò che non muta. Le verità cambiano ma non cambia la ricerca della verità. Pertanto è sacra la ricerca e non la verità. E' sacra la poesia, non è sacro il modo di scriverla, almeno non lo è fin quando l'autore non abbia incontrato se stesso”.