martedì 7 febbraio 2012

Ennio Abate
La polis che non c'è (2)
Su "Il disgusto"
di Gianmario Lucini

Pubbblico la seconda parte dell'intervento (rivisto e approfondito) fatto durante l’incontro  del  Laboratorio Moltinpoesia del 31 gennaio 2012 intitolato La polis che non c’è. Tre modi di interrogarsi in poesia sul venir meno della polis e della società civile. Essa è dedicata a "Il disgusto" di Gianmario Lucini. [E.A.]
 
 
1.  L’affermazione nella Nota dell’autore (Bertoldo) in Pergamena dei ribelli:  “la poesia non proviene dal nostro gusto ma, piuttosto, dal disgusto”  può ben introdurre alla raccolta di Lucini.

Il ‘disgusto’ è, infatti, non solo il titolo di queste poesie, ma anche il sentimento che vi domina. Rispetto a Bertoldo, però, quello di Lucini  è un disgusto espresso da un “io minore”. Il suo sguardo  è dal basso ed ansioso. Non è l’io eroico (romantico) di Bertoldo. Egli muove da una “morale di servi” di matrice cristiana, non quella di signori. Ne parlò con grande realismo storico e antropologico Fortini in  un passo di Insistenze che riporto in nota.[i] Lucini proviene da questa cultura cristiana combattiva e non chiesastica. E mentre Bertoldo contrappone “ribelli” e “uomini mediocri”, egli distingue i poveri, termine antico (e problematico),  dalla gente, termine oggi abusato, che occulta  le differenze sociali, specie quelle di classe, ed è, qui in Italia, diventato emblema di un’epoca politicamente vischiosa e ben distinguibile, quella berlusconiana: