venerdì 11 maggio 2012

Giorgio Mannacio
Scuola di poesia

Correggio, Maddalena leggente (dipinto perduto)


                                                                                                                                                                                  agli amici di Moltinpoesia

Velata l’emozione
si fa giorno. Dai tini
non scorre vino ormai, ma solo sangue
sino all’affusto dei cannoni. Muore
con la rosa la donna che la pose
sul suo petto fiorito.
Non lacrime, ma parole
cercano di posare sopra il niente
di velina strinata
testimonianza estrema.
La sua mano non trema.
Perché dovrebbe se di una stella spenta
oggi soltanto arriva lo splendore ?

Milano, 11 maggio 2012.

SEGNALAZIONE
Prossimo incontro
del Laboratorio Moltinpoesia


alla Libreria Linea d’ombra di Milano
Via San Calocero 29 Milano
Telefono: 028321175
Fermata MM  Linea verde Sant’Agostino 
Lunedì 14 maggio 2012 ore 17, 30
Letture e dialoghi sul tema
Fortini-Milano/Pasolini-Roma
Introduce Ennio Abate in dialogo con Giorgio Mannacio
…la città /che mi porta s’intorbida nei viali / sui battistrada di autotreni, muore /fra i ponti di bitume, fari, scorie. / Qui sarò stato vivo… (F. Fortini, Al di là della speranza)
e non lontano, / tra casette / abusive ai margini del monte, o in mezzo // a palazzi, quasi a mondi, dei ragazzi / leggeri come stracci giocano alla brezza / non più fredda, primaverile…(P.P. Pasolini,  Le ceneri di Gramsci)
  «Non è un accostamento deterministico. Non è che se Pasolini fosse arrivato a Milano, invece che a Roma, sarebbe  diventato un Fortini. E viceversa. Ma il capitalismo ci fa vivere in realtà anche fisicamente contraddittorie (città-campagna; centro-periferia) o accentua le contraddizioni preesistenti.  E le culture, le biografie, (forse persino gli psichismi) hanno - sotto il mantello omogeneo, globalizzante,  massificato - accentuazioni “locali”, “individuali”, “singolari”» (E.A., Appunti)
 Gli incontri, curati da Ennio Abate e Giorgio Mannacio, sono aperti a tutti.