mercoledì 23 maggio 2012

DISCUSSIONE
Ancora su "Dopo il moderno"
di G. Pedota:
Giusi Maria Reale e Navio Celese

Pubblico due interventi - di Giusi Maria Reale e di Navio Celese - sul libro di Giuseppe Pedota (qui e qui). Il primo, constatando la pervasività del Web, rifacendosi a Benjamin e giudicando ormai asfittico il «mondo della letteratura» e le lotte dentro o sotto le sue mura, suggerisce a poeti e critici di accettare la sfida della «rivoluzione comunicativa in atto»  e pone il problema di pensare una poesia e una critica adatte a questi tempi (indecifrabilmente) “nuovi”.  Il secondo mette sotto accusa (fin troppo rudemente a mio parere) la critica letteraria «militante e non» ( quale? tutta? senza  eccezioni?) e consiglia a chi scrive poesia di «starne alla larga» o a preferire «le antologizzazioni nude e crude piuttosto che i resoconti ragionati». È una tesi  spesso riproposta nel Laboratorio Moltinpoesia. Personalmente sostengo che l’atto poetico ha già in sé (implicitamente) una valenza critica e la buona critica è maieutica: svela apertamente (e non è cosa di poco conto...) quello che “già si sa” ma solo con una certa approssimazione.  Questa la mia opinione personale, che per ora metto nel mazzo delle altre. Ben vengano calibrati approfondimenti della questione. [E.A.]

Robert Hass
Una poesia
da “Time and Materials” (2007)


La poesia è ripresa dal sito LE PAROLE LE COSE. Altre dello stesso autore si leggono qui [E.A.] 


The World as Will and Representation

When I was a child my father every morning -
Some mornings, for a time, when I was ten or so,
My father gave my mother a drug called antabuse.
It makes you sick if you drink alcohol.
They were little yellow pills. He ground them
In a glass, dissolved them in water, handed her
The glass and watched her closely while she drank.