mercoledì 10 ottobre 2012

Giorgio Linguaglossa
Su "Pertiche" di Alberto Cellotto


Alberto Cellotto Pertiche La Vita Felice, Milano, 2012

La sufficiente sostenutezza colloquiale di questa raccolta di Alberto Cellotto è indice di ciò che altrove, sul pianeta Terra, viene stimato essere cosa gradita tra interlocutori che si scambiano convenevoli, fatuità e prolegomeni. Le poesie sono un po’ i prolegomeni a una vera vita che ancora non c’è. E questa raccolta sembra quasi scritta da un poeta che non c’è per un mondo che non c’è, ci parla di una estraniazione dal punto di vista di un estraneo alla vita, ci parla di un mondo che c’è e non c’è. «Pertiche» potrebbe sembrare un titolo eccessivamente generico proprio per quel suo restringere il campo semantico della significazione ad un oggetto di uso quotidiano. Un quotidiano con la consapevolezza che non in esso c’è il salvagente, un quotidiano che non è più l’ancora di salvezza cui anelavano le generazioni di poeti del tardo Novecento.