domenica 28 ottobre 2012

Paolo Ottaviani
Il giogo della rima
e l’«homme très-faible»



Treccia della parola nella Poesia

Più bella incatenata da libertà eloquente
sta incisa la parola nel ritmo della mente:
non può vagare alata né far la capriola
ma sarà lei a guidarti con sempre nuove arti

Cosa chiediamo alla poesia?
Due esempi:
Romano Luperini e Francesco Di Leno


Lucian Freud, Autoritratto

L’accostamento dei testi di due autori - così diversi per cultura, condizione sociale e coscienza dello strumento usato per esprimersi (la poesia) - non sembri incongruo  o bizzarro. Li accomuna il ricorso alla poesia in momenti di estrema difficoltà, personale o politica che sia.  Entrambi ripropongono così l’irrisolta  domanda  su cos’è la poesia. Perché ad essa ricorrono un noto studioso di critica letteraria - come Romano Luperini, e un oscuro scrittore come Francesco Di Leno, ex impiegato che si presenta come “poeta politico”? Non lascerei cadere la questione e ci rifletterei  tre volte prima di rispondere. [E.A.]

Poesie. Reparto di oncologia
di Romano Luperini

Ho passato mesi da una clinica all’altra.  Per combattere l’insonnia feroce ho scritto di notte dei versicoli che riporto qui non per esibizione letteraria ma per documentazione diaristica. Solo il distacco della forma mi ha consentito di vincere il pudore della confessione e la coscienza del necessario inganno della letteratura.