venerdì 21 dicembre 2012

Giselda Pontesilli,
La competenza dei poeti.



Pubblico, rivisto dall'autrice, il testo che ha fatto di base all'incontro tenutosi alla Palazzina Liberty di Milano  del 13 novembre 2012 (qui). Ci sono  evidenti, anche se parziali e provenienti da altri contesto culturale,  consonanze con la recente riflessione di G. Linguaglossa appena pubblicata (qui). [E.A.].

Sono qui per esporre un mio breve scritto, “La competenza dei poeti”, in cui sostengo che i poeti, in qualità di competenti, cioè di massimi conoscitori della lingua, possono -e debbono- agire per riuscire concretamente a cambiare la non-lingua, la lingua degradata a linguaggio, dell'informazione televisiva;
per ottenere, quindi, concretamente, che si faccia in Italia (e poi in Europa) un cambiamento linguistico dei telegiornali.
    
    I) Ma perché si dovrebbe agire proprio riguardo all'informazione -della televisione,  e non riguardo alla sua pubblicità, o ad altri suoi programmi?
Ecco, innanzitutto per un motivo strategico: perché è più facile, meno contestabile, iniziare a scalfire il linguaggio mediatico partendo dall'informazione.
Infatti, a differenza dell'informazione, la pubblicità è, in qualche modo, intoccabile, poiché  si sostiene -come fosse un dogma-  che essa sia necessaria per finanziare tutto il resto.
E riguardo agli svariati altri programmi, chiamati, a volte, programmi-spazzatura, si sostiene, altrettanto  dogmaticamente, che c'è molta gente a cui piacciono e dunque, proprio in nome della democrazia, del rispetto di tutte le opinioni, non si possono, anch'essi, toccare.
L'informazione è, dunque, strategicamente, il terreno meno impervio da affrontare, soprattutto perché i poeti, quali specialisti della lingua, non chiederanno di cambiare i contenuti dell'informazione, bensì la sua non-lingua, il suo linguaggio.