martedì 25 dicembre 2012

Donato Salzarulo,
L’erba gramigna.


                        A Leopoldo

A liberare il grano dalle tante
erbe cattive, di solito
ci pensava mia madre.
Era un lavoro primaverile
per dare aria agli steli,
preservarli dagli abbracci infestanti.
«L’erba cattiva non muore mai...»
commentava spossata la sera
e alludeva alla gramigna
che l’aratura – certe volte lo scasso –
non aveva del tutto distrutto.

L’ho sempre saputo:
erano i suoi occhi
il mio assoluto.

Natale 2012