giovedì 10 gennaio 2013

Luca Benassi,
Poesie.



(da L’onore della polvere, Puntoacapo editrice, 2009)

Bisogna aspettarli al varco i salmoni
al collo di bottiglia della foce
spauriti, mentre accalcano l’acqua
bisogna tendere la rete dove
la superficie si increspa di pinne
le branchie annaspano quel desiderio
che riproduce il transito di nuove
generazioni. Allora è il momento
di calare la rete, di tendere
alla gola il laccio, l’arpione aguzzo.
All’uscita della metro noi siamo
salmoni ignari verso la mattanza.


(da il guado della neve, edizioni CFR, 2012)

Fortuna Della Porta,
Poesie.




Giorni fuggono a vela dietro il vento,
corni del dolore, pane impastato di ferro
compendio del vortice eterno, pantano ove urla
dispendio di fiato, la mia apocalisse è scontata

Coltivo tempo  al boia, questo mi piange,
arrivo, poi, in mare annegato, fuoco arso,
tinto di funebri drappi, rugiada infernale, -non fatto-
Avvinto nel caos, non domandare. Taci, per carità.

Avvicina un poppante che sugge, avvertilo, questo sì,
 mattina di  lumaca incoscienza, affettuoso 
alabastro la pelle e per lui un raggiro alla porta.     

Vincastro di carbone, ahimè, minatore imminente.
Arcobaleno di sangue e battito del cuore
ameno frullo solo se amante mi bacia in bocca.