lunedì 14 gennaio 2013

Eugenio Grandinetti
[Senza titolo]



Caro Ennio,un'altra guerra è cominciata [in Mali] per i francesi e sta per cominciare per noi,e la cosa passerà ancora inosservata. C'è un odio tra gli uomini,fomentato da interessi di potere (economico,religioso,politico)che di continuo si autoalimenta. A noi resta l'indignazione,ma è ben poca cosa di fronte alla contentezza di chi con le pubbliche disgrazie (e la guerra va considerata tale) ci guadagna. D'altra parte tante altre cose ci danno nausea in questa disgraziata società.penso allo schifo di questa campagna elettorale,alle manovre dei potenti per esser sempre impuniti,alla disperazione di una società che sta andando allo sfascio. Forse è una fortuna esser arrivati al capolinea,anche se,a pensarci bene,la vita non ci (a me,a te e ad altri come noi) ha risparmiato niente. [E.G.]


Il cielo è buio,l’aria è torbida:passano
gli uccelli della morte:portano
terrore e distruzione. Crollano
le case come chine franose,gli uomini
cercano rifugi sotterranei per nascondersi
dai fulmini del cielo. Ma chi ci salverà
dalla nostra ira e dalla vergogna
d’essere infesti l’uno all’altro,ostili
ai nostri sentimenti umani,resi
dal timore reciproco strumenti
d’odio e di morte?